Bologna Campione

C'è una Bologna che vince e convince: con un roster tutto fatto in casa, dal presidente all'allenatore. Trattasi della Fortitudo Baseball: campione d'Italia, ieri, per l'undicesima volta. Battuta Parma e vendicata la bruciante sconfitta del 2008: non solo, vinto pure il derby tra Stelle. Nel senso che ieri, al Cavalli, si sfidavano due squadre ferme a dieci scudetti vinti: e adesso, nella graduatoria di tutti i tempi, solo Rimini con 13 e San Marino 17 han fatto meglio del biancoblù.

Una vittoria sofferta, ottenuta in gara quattro all'extrainning: per Daniele Frignani, bolognesissimo allenatore della Effe, ex campione sul campo, il secondo scudetto in tre anni. Mica male, come inizio: a poco più di quarant'anni, Lele è un già mostro sacro della panchina. E il presidente? Stefano Michelini: altro bolognese doc, l'artefice della rinascita del baseball a Bologna. Perchè è sempre bene ricordarlo: per ben vent'anni, o quasi, cioè dal 1984 al 2003, la Effe è rimasta senza scudetti. Non solo: prima dell'avvento del terzo millennio ne aveva vinti cinque. Che non sono pochi, ma insomma: sei li ha vinti tutti nell'ultimo quindicennio. Facendo un rapido calcolo: praticamente uno ogni 18 mesi. Una media assurda: e poi le vittorie in Europa, in Coppa Italia. Dal 2002 sempre ai playoff. Chiedere al presidente, per i segreti di questo piccolo miracolo made in Bo: con pochi soldi, pochissimi, ma tante idee. E soprattutto gente del luogo: con giocatori che una volta appeso il guantone al chiodo finiscono in panchina, per iniziare un ciclo vincente. Dandosi il cambio a vicenda: un po' come succede a Barcellona, nel calcio. Così succede nel baseball, da noi: orgoglio locale, a tutti i livelli. Bologna regina del baseball: Bologna sul tetto d'Italia.